Un servizio dedicato a te

Oggi l’impresa “FOTO ENZO E FIGLIO”, giunta alla terza generazione nel settore dell’imprenditoria funebre, è gestita da Maurizio e Gianluca Radicula ed è conosciuta in tutta la zona. L’impegno serio e determinato implica così l’impiego di tutta la famiglia, che opera sempre nel centro di Ponte di Piave, ma offre copertura in tutti i comuni principalmente in quelli limitrofi di Oderzo, Ormelle, Cimadolmo, San Polo di Piave e Salgareda. Oltre Cinquant’anni di esperienza nel settore che garantiscono elevati standard qualitativi, dotati di personale formato per un'assistenza tecnica e psicologica personalizzata, volta alla totale soddisfazione del cliente, rispettando le vigenti leggi del settore e capaci di operare con tatto e discrezione, fornendo servizi in tutto il territorio nazionale e internazionale.

La nostra impresa è strutturata in modo da fornire una reperibilità 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno, con personale in grado di effettuare tempestivamente spostamenti di defunti dall’abitazione all’ospedale e viceversa, recupero di salme su incidenti stradali, sul lavoro e per qualsiasi causa di morte accidentale o violenta, con mezzi idonei alle normative sanitarie vigenti.

LA NOSTRA STORIA

Enzo Radicula classe 1925, nativo di Ormelle (TV) è uno di quei Veneti dalla tempra forte e con innato spirito d’iniziativa. Cresciuto come barbiere e diventato fotografo a Monza alla scuola serale della Kodak, dopo aver passato gli anni della guerra e quelli del boom economico, abituato a sgobbare per farsi largo nella vita, Enzo tornò in paese all’inizio degli anni 60 per realizzare il suo sogno più grande: aprire un negozio di fotografo. È così che avvia la sua attività nel centro di Ponte di Piave fissando sull’insegna il nome di "FOTO ENZO". Il suo nome presto si fa conoscere in giro, e il suo progetto si è concretizzato fino a diventare una splendida realtà. Foto per i matrimoni, per i funerali e per gli eventi sportivi. Ma come in tutte le storie vere, il lieto fine è più complesso: in paese c’è un marmista il quale si mette in concorrenza con Enzo Radicula, proponendo ai suoi clienti anche i servizi fotografici.

È così che Enzo, spirito libero e indipendente col cuore sempre oltre l’ostacolo, decide di avviare anche il lavoro di impresa funebre, abbattendo così ogni barriera e fissando un grande trampolino. Acquista le prime attrezzature nel 1961, e inizia a fare l’Impresario funebre.
Intanto i negozi di fotografia diventano tre e due accolgono anche gli uffici di onoranze funebri, in uno dei quali, con il passare degli anni, comincia a collaborare anche il figlio Maurizio. Il successo si legge, aggiungendo al nome del capostipite la generica scritta che indica il figlio, la conferma che la vita va avanti, che il solco è stato tracciato e il lavoro fatto non andrà perduto.